Welcome!

Benvenuti in queste pagine dedicate a scienza ed arte. Amelia Carolina Sparavigna

Sunday, July 22, 2018

Endymion


In ihm ist Jagd noch. Durch sein Geäder
bricht wie durch Gebüsche das Tier.
Täler bilden sich, waldige Bäder
spiegeln die Hindin, und hinter ihr

hurtigt das Blut des geschlossenen Schläfers,
von des traumig wirren Gcwäfers
jähem Wicderzergehn gequält.
Aber die Göttin, die, nievermählt,

Jünglingin über den Nächten der Zeiten
hingeht, die sich selber ergänzte
in den Himmeln und keinen betraf,

neigte sich leise xu seinen Seiten,
und von ihren Schultern erglänzte
plötzlich seine Schale aus Schlaf.

(Rainer Maria Rilke)

Saturday, July 21, 2018

Torino è l'altra faccia della stessa Roma
Torino un pugno al cielo di terra buona.
Sì, ma per due che come noi si sono amati e poi
trovati qui come disperati, Torino sei
un mare nero per i figli tuoi
Torino occhi aperti non tradirmi mai
Torino strade dritte tu mi perderai.
Dimmi tu come stai in questa città malata di malinconia.

da Torino, Antonello Venditti

3D Giulio Cesare

Roberta Fontana al link
http://www.robertafontana.com/portfolio-lavori/personaggi/gaio-giulio-cesare-2/
ci presenta i suoi bellissimi lavori in 3D.


Giulio Cesare in 3D


Friday, July 20, 2018

3D Julius Caesar

Here the link to 3D models og Julius Caesar.

"Ebbe un ruolo cruciale nella transizione del sistema di governo dalla forma repubblicana a quella imperiale. Fu dictator di Roma alla fine del 49 a.C., nel 47 a.C., nel 46 a.C. con carica decennale e dal 44 a.C. come dittatore perpetuo, e per questo ritenuto da Svetonio il primo dei dodici Cesari, in seguito sinonimo di imperatore romano."

http://www.robertafontana.com/portfolio-lavori/personaggi/gaio-giulio-cesare-2/


Thursday, July 19, 2018

Arles bust


Lifelike rendering of the Arles bust 

More at SSRN

The Arles bust is a life-sized marble bust showing a man with nasolabial creases and hollows in his face. It was discovered in September–October 2007 in the Rhone River near Arles, southern France, by divers from the French Department of Subaquatic Archaeological Research. It has been debated that it is a possible portrait of Julius Caesar.

Wednesday, July 18, 2018

Il Re di Pietra e Chaucer

A prohemie, in which discryveth he,
Pemond, and of Saluces the contree,
And speketh of Appenyn, the hilles hye,
That been the boundes of West Lumbardye,
And of Mount Vesulus in special,
Wher as the Poo out of a welle smal,
Taketh his first spryngyng and his cours
That eastward ay encresseth in his cours
To Emele-ward, to Ferare and Venyse;
The which a long thyng were to devyse.

(Geoffrey Chaucer, "The Clerk's Tale," from The Canterbury Tales)

A dir la verità, questo racconto mostra un uomo molto cattivo, ma a Saluzzo sono tutti buoni come il pane!

Comparing the Profiles of Caesar's Heads given by the Pantelleria Marble Bust and by a Coin of 44 BC

Comparing the Profiles of Caesar's Heads given by the Pantelleria Marble Bust and by a Coin of 44 BC: Here we want to show an interesting fact concerning the profile of the Caesar’s head, which is portrayed in the Pantelleria marble bust. It is the same of the portrait of Caesar given by a coin of 44 BC. The coin was struck just after Caesar's refusal of the crown offered by Mark Antony during the Lupercalia.


The Profiles of Caesar's Heads given by Tusculum and Pantelleria Marbles

The Profiles of Caesar's Heads given by Tusculum and Pantelleria Marbles: Here we want to show a comparison of the profiles of Julius Caesar’s head, as portrayed in Tusculum and in Pantelleria marbles. These profiles are in good agreement and are in good agreement to that given in a coin of 44 BC, struck one month before Caesar’s assassination.



Sikandar the Destroyer - Gaza

From Wikipedia
Upon arriving, Alexander camped near the southern side of the city and deemed the southern walls as the weakest.[4] Near these weak points, Alexander built the mounds that were eventually used to enter the city.[4] It is alleged the mounds were built quickly, despite the engineers' belief they could not be completed due to the nature of Gaza's fortifications.[5]

One day during the siege, the Gazans made a sortie against enemy siege equipment constructed on site, and Alexander led his shield bearing guards into counterattack. Alexander's shoulder was injured in the attempt.[5] According to Arrian, the rest of the mound was completed shortly after, around the whole of Gaza.[5] At some undefined period after this, the siege equipment from Tyre arrived, and was put into use also. It was after this that major sections of the wall were broken by the Macedonians.[5] After three attempts to enter the city, the Macedonians finally entered the city. The Gazans fought bitterly.

Batis refused to surrender to Alexander. When Gaza was taken, the male population was put to the sword and the women and children were sold into slavery.

According to the Roman historian Quintus Curtius Rufus,[6] Batis was killed by Alexander in imitation of Achilles' treatment of the fallen Hector. A rope was forced through Batis's ankles, probably between the ankle bone and the Achilles tendon, and Batis was dragged alive by chariot beneath the walls of the city. Alexander, who admired courage in his enemies and might have been inclined to show mercy to the brave Persian general, was infuriated at Batis's refusal to kneel and by the enemy commander's haughty silence and contemptuous manner.

As a result of the Siege, Alexander was allowed to proceed south into Egypt securely, without his line of communications being threatened from the North by Batis from Gaza.

The Green Caesar




The Green Caesar is a portrait of Gaius Julius Caesar made of green slate kept in the Antikensammlung Berlin with the inventory number Sk 342, which was probably made in the first century AD

Monday, July 16, 2018

Sardis and Croesus

From Wikipedia
Sardis or Sardes was an ancient city at the location of modern Sart in Turkey's Manisa Province. Sardis was the capital of the ancient kingdom of Lydia,[1] one of the important cities of the Persian Empire, the seat of a proconsul under the Roman Empire, and the metropolis of the province Lydia in later Roman and Byzantine times. 
The earliest reference to Sardis is in The Persians of Aeschylus (472 BC); in the Iliad, the name Hyde seems to be given to the city of the Lydian chiefs and in later times Hyde was said to be the older name of Sardis, or the name of its citadel. It is, however, more probable that Sardis was not the original capital of the Lydian, but that it became so amid the changes which produced the powerful Lydian empire of the 8th century BC.
Map of Sardis and Other Cities within the Lydian Empire
The city was captured by the Cimmerians in the 7th century BC, by the Persians in the 6th, by the Athenians in the 5th, and by Antiochus III the Great at the end of the 3rd century BC. In the Persian era, Sardis was conquered by Cyrus the Great and formed the end station for the Persian Royal Road which began in Persepolis, capital of Persia. Sardis was the site of the most important Persian satrapy.[2] During the Ionian Revolt, the Athenians burnt down the city. Sardis remained under Persian domination until it surrendered to Alexander the Great in 334 BC.
The early Lydian kingdom was very advanced in the industrial arts and Sardis was the chief seat of its manufactures. The most important of these trades was the manufacture and dyeing of delicate woolen stuffs and carpets. The stream Pactolus which flowed through the market-place "carried golden sands" in early antiquity, which was in reality gold dust out of Mount Tmolus. It was during the reign of King Croesus that the metallurgists of Sardis discovered the secret of separating gold from silver, thereby producing both metals of a purity never known before.[3]This was an economic revolution, for while gold nuggets panned or mined were used as currency, their purity was always suspect and a hindrance to trade. Such nuggets or coinage were naturally occurring alloys of gold and silver known as electrum and one could never know how much of it was gold and how much was silver. Sardis now could mint nearly pure silver and gold coins, the value of which could be — and was — trusted throughout the known world. This revolution made Sardis rich and Croesus' name synonymous with wealth itself. For this reason, Sardis is famed in history as the place where modern currency was invented.
Disaster came to the great city under the reign of the emperor Tiberius, when in AD 17, Sardis was destroyed by an earthquake, but it was rebuilt with the help of ten million sesterces from the Emperor and exempted from paying taxes for five years.[4] It was one of the great cities of western Asia Minor until the later Byzantine period.

Sikandar the Destroyer - the battle of Granicus

From Wikipedia
The Battle of the Granicus River in May 334 BC was the first of three major battles fought between Alexander the Great and the Persian Empire. Fought in Northwestern Asia Minor, near the site of Troy, it was here that Alexander defeated the forces of the Persian satraps of Asia Minor, including a large force of Greek mercenaries led by Memnon of Rhodes.
Total casualties for the Greeks were between 300 and 400. The Persians had roughly 1,000 cavalry and 3,000 infantry killed, mostly in the rout. The Greek mercenaries, under the command of Memnon of Rhodes, who fought for the Persians, were abandoned after the cavalry retreat. They attempted to broker a peace with Alexander but to no avail. As a result, after the battle Alexander ordered the mercenaries to be enslaved. Out of the 18,000 Greek mercenaries, half were killed and 8,000 enslaved and sent back to Macedon [It would be better to tell that 10000 were killed, and 8000 enslaved, ossia 10000 Greci passati a fil di spada dopo la battaglia].  They were bound in fetters and sent away to Macedonia to till the soil, because, though they were Greeks, they were fighting against Greece on behalf of the foreigners [actually, they were fighting against Alexander].
Alexander sent 300 Persian armours to the Parthenon of Athens as an oblation to Athena, with this epigram: "Alexander, son of Philip, and the Greeks, except of Lacedaemonians, from the barbarians who live in Asia". («Ἀλέξανδρος Φιλίππου καὶ οἱ Ἕλληνες, πλὴν Λακεδαιμονίων, ἀπὸ τῶν βαρβάρων τῶν τὴν Ἀσίαν κατοικούντων»-"Alexandros Philippou kai hoi Hellēnes plēn Lakedaimoniōn apo tōn barbarōn tōn tēn Asian katoikountōn")

I barbari che vivono in Asia?!  

Kardo and Decumanus - Torino

Romans planned their military castra with a precise regular scheme, based on two main axes, crossing at right angles at the center of the settlement. These axes are known as Decumanus (D) and Kardo (K). Sometimes, a castrum evolved in a colonia and then in a modern town. Torino is an example of this evolution, that was born as a Julius Caesar’s castrum. Today, the Decumanus is Via Garibaldi. In this Google Earth map, we can easily see the rectangle of the Roman town, composed of several insulae. The modern town had maintained this layout during its expansion.



Sunday, July 15, 2018

On the researches by Carotta and Buijtendorp on Julius Caesar

I would like to tell you a story. About what, you could tell. Guess please, about the Tusculum bust and the so-called 3D reconstruction of Caesar's head made in Holland, of course.
http://www.rmo.nl/english/current/news/a-new-look-at-caesar

The story begins with Lucien Bonaparte, who found a marble head in Tusculum. In fact, Lucien made profit with the antiquities, in particular those emerging from the ruins of that pleasant town among the Alban Hills (near today's Frascati), where the Roman nobility had built the villas. He used these antiquities to refund his huge debts. However, he did not realize that he had in his hands an original portrait of Caesar, which would have allowed him to restore his financial health. The bust then remained unsold and passed to the House of Savoy. With some others items of Lucien Bonaparte's collection, the bust was taken to the Castle of Agliè, where, a century and a half later, in 1940, archaeologist Maurizio Borda, comparing the profile with some coins of Caesar, recognized that Caesar was portrayed in it.






The above information is coming from the work by Francesco Carotta, published on the Corriere del Ticino in 2017. https://www.carotta.de/subseite/texte/articula/CesareTuscolo_CorriereDelTicino.pdf
and I strongly invite you to read it.

Let us continue with the bust and Carotta's observations. Believing the marble head had been at the top of a statue of a "togato", Borda fixed the head in a vertical position. This position highlighted two anomalies: a sinking on the apex of the skull and a swelling of the same on the left side. Assuming the portrait as made during the life of Caesar, and without taking into account the notorious "riporto" (some locks of hair combed over his baldness, in the case of Caesar, many locks of hair) to hide the baldness, Borda diagnosed in Caesar clinocephaly and plagiocephaly, hypothesizing that these pathological deformations had been caused by epilepsy. Idle idea, not only because Caesar was estimated the most handsome man in Rome - and this is incompatible with such supposed malformations - but also because, at that time, it had been proven that the occasional fainting of Caesar had not an organic origin, but was simply due to cachexia, exhaustion for the hard life spent in continuous wars. Moreover, that marble head has several other anomalies (prominent and non-anatomical eyes, the left ear higher than the right, the flatted left wing of the nose, a slit of the mandible, the dimple of the displaced thyroid-joid area, vertical venus rings, twisted neck, raised right shoulder, etc.). These deformations are those studied by the classical sculptors, which, since the time of Phidias, practised them to make the faces of the statues more beautiful, depending on what was the main perspective to see them, particularly to optimize their view from below.
After Carotta's words, let us remove the hair from the Tusculum bust. I use Yul Brinner as a model to "cut" the hair. I found a good head indeed. I like both, Caesar and Yul.





My "shaving" of the head could be criticized. Note that I have shaved only a little bit. Let me stress that a marble head is not a skull, it is an artistic object, where the artist puts some asymmetries to create the effect of motion in a lifelike style. To consider a marble head as a skull is the mistake made by the persons that made the recent 3D rendering of Caesar.  


Francesco Carotta published in 2016 a detailed study on the posture of the Tusculum bust (here the link, https://www.carotta.de/subseite/texte/articula/Sulla_postura_del_Cesare_Tuscolo.pdf), where he is clearly proving that Borda was wrong. You can see all the pictures of the bust in different positions and diagrams and coins, eccetera.

Now, let me tell you another interesting fact. They are three years that the Tusculum bust, which is today at the Archaeological Museum of Torino, is not visible because the Roman Statuarium of the Museum is closed for restoration.

On 22 June 2018, http://www.rmo.nl/reconstructiecaesar, the reconstruction of the head of Caesar, that with the “crazy bulge”, was announced by the National Museum of Antiquities in the Netherlands in Leiden. This reconstruction is a support to a book written by Tom Buijtendorp on Caesar in the Netherlands (preface by Jona Lendering). I don't understand the link between 3D reconstruction - wrong as it is - and history, but this is not our problem now. The pivot of all is a supposed plagiocephaly of Caesar, because of the Tusculum bust. However, the 3D reconstruction made by Maja d'Hollosy shows a big head, so hydrocephaly could be invoked not plagiocephaly. Actually,  the 3D reconstruction is a hybrid rendering of a Leiden bust and Tusculum. In any case, let us not care about.

To the press, Tom Buijtendorp, referring to the plagiocephaly - I suppose - told that “A doctor said that such a thing occurs in a heavy delivery. You do not invent that as an artist. And realistic portraits were in fashion". How is it possible? Tom and the doctor had not visited the Tusculum bust at the Museum of Torino (do you remember, the statuarium is closed from the past three years). It means that they have analysed only images of the bust. And the best images we can find in the web are in the Carotta's work. And also the Borda's idea of plagiocephaly (also referred by Flemming S. Johansen 1987, (*)). And, as stressed by Tom, “You do not invent that as an artist". But the artists can make mistakes too, and they usually create their marble heads from an artistic perspective, not from the doctor's perspective.

Let me stress once more that the origin of a supposed plagiocephaly of Caesar was in the works by Maurizio Borda, who was biased by the ancient literature on Caesar's epilepsy.

At the web page https://historiek.net/gezichtsreconstructie-julius-caesar/80784/
I read “Door [Tom] Buijtendorps onderzoek krijgt Julius Caesar letterlijk een nieuw gezicht. In de levensechte gezichtsreconstructie van de veldheer wijken schedelvorm en haardracht af van de gebruikelijke afbeeldingen.” That is "By Buijtendorp's research Julius Caesar literally gets a new face. In the lifelike facial reconstruction of the general, skull shape and hairstyle deviate from the usual images."

I think that besides this recent work, also the previous work by Francesco Carotta needs to be acknowledged. In particular because Carotta' study also  highlights the artistic point of view of the portraiture, besides providing all the details about the previous researches and literature on the Tusculum bust. Moreover, in his work, Francesco Carotta had clearly explained the role of Caesar's hair in the artistic rendering of a Tusculum statue of Caesar as a whole.

Once more, a marble head is a marble head, and it is a mistake to consider it as a skull and ask a doctor to receive a diagnosis. This is a mistake made by Maurizio Borda and by Flemming Johansen too.

Let me conclude with the following observation. It is a pity that his baldness continues to give problems to Julius Caesar. Without that damned "riporto", that he did by combing forward his hair, today his normal head would have not been rendered like that of an alien.

So dear reader, if you are man and bald, be proud of it. You are like Julius Caesar!


-----------
(*) In 1987,  Flemming S. Johansen told that Borda considered the Tusculum portrait an original from Caesars last years, but the portrait is a copy after a bronze original made shortly before or after the death of Caesar. I am not able to explain how Johansen concluded the existence of a bronze statue, but it is interesting, because the shape of the head of Tusculum could be derived from a wrong rendering of the bronze original. Johansen noted that it is possible that the Tusculum bust was made after the death of Caesar. The connection to the Mettius denarius is as close as can be desired. Johansen is also stressing that a Tusculum portrait type exists in three other copies: Woburn Abbey, Florence, and Rome. Therefore, the Tusculum bust needs to be considered within this family of busts. However, in  the Portraitures of Julius Caesar, 1903, by Frank Jesup Scott, we read about Woburn Abbey. "A life-size bust, said to resemble one of the busts formerly in the Roman gallery of the Louvre, now withdrawn to the " Magasins " ! Bernoulli pronounces it modern." So, in my opinion, it better to consider the Tusculum bust with Florence and Rome busts, and the rather recently discovered Pantelleria bust, even if it is dated from Tiberius/Claudius' reign.




Ringrazio la Regione Siciliana, Beni Culturali ed Ambientali, per l'immagine del busto di Pantelleria.
L'immagine è usata a soli fini culturali ed educativi.

Silhouettes. Tusculum bust and coins - 1



The article by Francesco Carotta, published on the Corriere del Ticino in 2017 tell us  some story about the Tusculum bust, a portraiture of Julius Caesar, today at the Archaeological Museum of Torino.
https://www.carotta.de/subseite/texte/articula/CesareTuscolo_CorriereDelTicino.pdf

"The story of the discovery of the Tusculum bust has some humor in it. The marble head was found in Tusculum by Luciano Bonaparte. Luciano made profit with the antiquities, in particular those emerging from the ruins of that pleasant town among the Alban Hills (near today's Frascati), where the Roman nobility had built the villas, a famous one was that of Cicero. He used these antiquities to refund his huge debts. However, he did not realize that he had in his hands an original portrait of Caesar, which would have allowed him to restore his financial health. The bust then remained unsold and passed to the House of Savoy. With some others items of Lucien Bonaparte's collection, the bust was taken to the Castle of Agliè, where, a century and a half later, in 1940, archaeologist Maurizio Borda, comparing the profile with some coins of Caesar, recognized that Caesar was portrayed in it."

Let us use the coin of the post https://stretchingtheboundaries.blogspot.com/2018/07/julius-caesar-coin-43-bc.html  August 43 BC. AR Denarius 43 BC. Rome mint. L Flaminius Chilo. Laureate head right within pelleted border. From a picture of the profile of the Tusculum bust, we can obtain a silhouette (in red). Superposing to the coin, we have a remarkable coincidence.



Julius Caesar - Coin - 44 BC


Magnifico profilo. Testa piccola.
Wreathed head of Caesar right, behind crescent; before, CAESAR·IM downwards; behind P M upwards. Border of dots. As explained by http://www.humanities.mq.edu.au/acans/caesar/Career_Coins.htm
it was struck just after Caesar's refusal of the crown at Lupercalia.

On the Lupercalia, let us read https://en.wikipedia.org/wiki/Lupercalia and https://www.etymonline.com/word/february

It is possible that the world Lupercalia derived from lupus, "wolf," though both the etymology and its significance are obscure [1]. Lupercalia was a very ancient, even  pre-Roman pastoral , annual festival,[2] observed in Rome on February 15, to avert the evil spirits and purify the city. Lupercalia was also called "dies Februatus", purified (literally "februated day") after the fumes of purification (https://www.etymonline.com/word/february). 
The Lupercalia had its own priesthood, the Luperci, whose institution and rites were attributed either to the Arcadian culture-hero Evander, or to Romulus and Remus. The Luperci were young men. They formed two religious collegia based on ancestry; the Quinctiliani (named after gens Quinctia) and the Fabiani (named after gens Fabia). Each college was headed by a magister. In 44 BC, a third college, the Juliani, was instituted in honor of Julius Caesar; its first magister was Mark Antony.[10] The college of Juliani disbanded during civil wars, and was not re-established in the reforms of  Augustus. 
Descriptions of the Lupercalia festival of 44 BC attest to its continuity. During this Lupercalia, Julius Caesar refused three times a golden crown offered to him by Mark Antony.[17][18] 

Julius Caesar - Coin - 43 BC

Julius Caesar. August 43 BC. AR Denarius.  Rome mint. L Flaminius Chilo. Laureate head right within pelleted border / L  FLAMINIVS down right field, IIII VIR up left, Venus Genetrix as Felicitas standing left, holding caduceus in outstretched right hand and long scepter in left.


Beautiful Caesar. NORMAL head. LARGE eyes. Regular neck. Rings of Venus.

Of course, this coin is for Tom Buijtendorp and Maja d'Hollosy.
The reason is clear if you read this:

SCIARRINO Morte di Borromini | T.Carraro, O.T.La Scala, R.Muti | video 1...





Salvatore SCIARRINO: "Morte di Borromini", per orchestra con lettore ('a Riccardo Muti' - 1988) *world premiere* Tino Carraro, narrator, Orchestra del Teatro alla Scala, Riccardo Muti, conductor (PAL 4:3 | live, Teatro alla Scala, Milano, 20 October 1988)
® Restored Video Legacy | 1963-2015: https://www.youtube.com/playlist?list... --- 
© COPYRIGHT Disclaimer, Under Section 107 of the Copyright Act 1976. Allowance is made for "fair use" for purposes such as criticism, comment, news reporting, teaching, scholarship, and research. Fair use is a use permitted by copyright statute that might otherwise be infringing. Non-profit, educational or personal use tips the balance in favor of fair use.

Saturday, July 14, 2018

Sikandar the Detroyer - Multan

Cari Lettori,
leggete per cortesia come Wikipedia dipinge in modo eroico la campagna di Alessandro contro i Malli https://en.wikipedia.org/wiki/Mallian_Campaign e poi leggete https://cronologia.leonardo.it/storia/ac327.htm

LO STERMINIO DEI MALLI (Novembre 326- Febbraio 325)
"Se c'erano ancora dei dubbi divenne ben presto chiaro che gli invasori Macedoni non erano benvoluti in India. Le popolazioni che abitavano la parte meridionale del Punjab non erano rette da regoli locali, ma avevano un governo repubblicano ed erano perennemente in lotta fra loro. Alessandro sottomise con una certa facilità le popolazione dei Sibi edegli Agalassi, ma trovò ben presto una resistenza maggiore nelle popolazioni successive. Visto il comune pericolo incombente le tribù più importanti, quelle degli Ossidraci e dei Malli, che abitavano intorno alla confluenza dell'Acesine con l'Idraote, avevano deciso di sospendere le loro lotte e, unirsi contro il nuovo pericolo, fortificandosi nelle loro cittadelle. Alessandro a quanto pare non volle scendere a compromessi e decise di dare un esempio di terrore, sterminando ogni volta la popolazione delle città che riusciva a prendere d'assalto. I Malli si opposero con risolutezza ma senza riuscire a respingere l'assalto: due cittadelle caddero facilmente nonostante la disperata resistenza dei difensori e vennero rase al suolo. In una di esse si era scoperto che era stata la casta dei brahmani a organizzare la resistenza fino all'ultimo uomo. Questa mattanza ebbe il culmine nell'assedio della città principale dei Malli, di cui le fonti non riportano il nome, ma che è stata identificata con l'odierna Multan. Alessandro stesso guidò i suoi uomini, scalandone le mura della cittadella, come aveva fatto a Tiro. [e c'è la descrizione di come Alessandro si sia buttato dalle mura nella cittadella dei nemici da solo]
... Le fonti dicono che, credendo morto Alessandro, i soldati si vendicarono sulla popolazione sterminandola tutta quanta, comprese le donne e i bambini, ma in verità non c'era bisogno della vendetta per comportarsi a Multan come avevano fatto altrove. I Malli furono distrutti per la fama che avevano di essere un popolo potente, coraggioso e ingovernabile. Il loro massacro aveva lo scopo di terrorizzare le tribù vicine e indurle a non opporre resistenza, e difatti gli Ossiadraci si sottomisero rapidamente, così come tutte le popolazioni della regione non ancora attaccate. Alessandro fu ridotto in fin di vita dal colpo ricevuto e solo la perizia di Perdicca nell'estrargli la freccia lo salvò da morte sicura. Il Re Macedone dopo qualche giorno ebbe la forza di mostrarsi in piedi davanti al suo esercito, che attendeva visibilmente preoccupato notizie riguardo il suo stato di salute, ma dovette aspettare molti mesi prima di riprendersi e fu davvero fortunato che la ferita non si infettasse. Finalmente la sanguinosa campagna ebbe termine nel punto in cui l'Acesine si congiunge all'Indo, in cui fu fondata l'ennesima Alessandria detta di Opiene."
Vedi anche Wikipedia in Italiano https://it.wikipedia.org/wiki/Campagna_indiana_di_Alessandro_Magno
"Informato dell'alleanza sancita ai suoi danni (novembre 326 a.C.), Alessandro mosse incontro al nemico per evitare che le forze dei due schieramenti si congiungessero. Con una massiccia operazione anfibia, passando dal fiume Idaspe al fiume Acesines (attuale Chenab) con una flotta appena costruita, raggiunse in cinque giorni il territorio nemico e si gettò sulla prima popolazione ostile alla sua portata: la tribù dei Sibea[31]. Volendo farne un esempio, Alessandro distrusse la capitale degli indigeni, massacrò la popolazione maschile e schiavizzò le donne ed i bambini[32]. Dopodiché avviò una complessa operazione a linee interne per assicurarsi che i Malli venissero annientati: ordinò a Nearco di risalire con la flotta l'Acesines per stabilire una base avanzata, affidò un contingente a Cratero con l'ordine di marciare lungo la riva destra del fiume e prese il comando della forza che avrebbe marciato lungo la riva sinistra[33]."

Etruschi e Romani

Oggi ho trovato e  letto con estrema attenzione l'articolo dal titolo "Etruschi e Romani, fu una Shoah?", scritto da Franco Cardini e pubblicato il mercoledì 2 febbraio 2011 sull'Avvenire.
https://www.avvenire.it/agora/pagine/etruschi-e-romani-fu-una-shoah_201102020935019400000
E' un articolo da leggere e rileggere, perché costringe a pensare.
L'articolo comincia così "Ho letto le dichiarazioni dei Elie Wiesel riportate da "Avvenire" il 25 gennaio 2011. Ammiro il Wiesel scrittore, ho simpatia per il Wiesel uomo e testimone delle sofferenze del suo popolo e del nostro tempo. Tuttavia, .... " Io non ho trovato le dichiarazioni di Wiesel, ma sembra, dall'articolo di Cardini, che si parlasse di un genocidio degli Etruschi da parte dei Romani. 
Ecco cosa dice Cardini. "I Romani non commisero alcun genocidio, cioè non soppressero mai in massa il popolo etrusco; avrebbero potuto distruggere la cultura etrusca, commettere cioè un etnocidio: ma non fecero nemmeno quello, limitandosi semmai a un’assimilazione che cancellò cultura e memoria, non stirpi. ....  In realtà, nonostante la lingua latina sia di ceppo decisamente indoeuropeo e quella etrusca d’origine tuttora incerta (le polemiche continuano, le ipotesi si accumulano...), la "cancellazione" dell’idioma – il quale peraltro sopravvisse fino al V secolo d.C. come "lingua sacra", nei rituali magico-divinatori dell’etrusca disciplina – non corrispose affatto alla cancellazione demografica d’un intero popolo diffuso dalla Lombardia alla Campania e le vicende del quale sono strettamente legate a quelle dei Romani. Etruschi erano i "re di Roma" dell’ultima fase del periodo monarchico; etrusche, ancora in piena età imperiale, grandi famiglie aristocratiche come i Cecina e la gens cui apparteneva Mecenate, amico e consigliere di Augusto. Gli studi sul Dna nella media Toscana, nel Volterrano, hanno rivelato una realtà biologica ancora vitale che può esser fatta risalire agli Etruschi. Consiglio il ricorso al pur discusso, ma importante, Dizionario della lingua etrusca di Massimo Pittau, docente emerito nell’Università di Sassari (Dessì 2005), che ha sistematicamente vagliato le fonti etrusche e alla luce del quale risulta evidente come l’abbandono dell’idioma etrusco si dovette principalmente a un fenomeno di assimilazione etrusco-romana che non ci sono motivi di ritenere condotto con metodi violenti e tantomeno genocidi, ma che fu piuttosto portato avanti attraverso tecniche di organizzazione istituzionale e di politica matrimoniale".
Posso aggiungere che c'è una parola Etrusca che usiamo tutti i giorni, ed è "satellite".

Si veda: The Word Satellite, Its Origin from Etruscan and Its Translation into Greek
https://papers.ssrn.com/sol3/papers.cfm?abstract_id=2899407


Giulio Cesare secondo l'Editore Caltagirone su Messaggero, Mattino, Gazzettino, Nuovo Quotidiano di Puglia e Leggo

La società di Caltagirone Editore possiede un gruppo editoriale che gestisce i siti web e le applicazioni delle testate Il Messaggero, Il Mattino, Il Gazzettino, Corriere Adriatico, Nuovo Quotidiano di Puglia e Leggo. A tutti questi giornali, il cosiddetto vero volto di Giulio Cesare, creato in Olanda, piace. Eccome se piace.

Ecco titoli e link.

Il Messaggero
Ecco il vero volto di Giulio Cesare: il ritratto del generale romano ricostruito in 3D
https://spettacoliecultura.ilmessaggero.it/mostre/giulio_cesare_volto_ricostruzione-3822064.html
Nella sezione Cultura e Spettacolo
Discusso al link http://stretchingtheboundaries.blogspot.com/2018/07/il-messaggero-del-vero-volto.html

Il Mattino: Ecco il vero volto di Giulio Cesare: il ritratto del generale romano ricostruito in 3D
https://www.ilmattino.it/tecnologia/scienza/giulio_cesare_volto_ricostruzione-3824064.html

Il Gazzettino: Ecco il vero volto di Giulio Cesare: il ritratto del generale romano ricostruito in 3D
https://www.ilgazzettino.it/cultura/giulio_cesare_volto_ricostruzione-3822143.html

Corriere Adriatico. Non sono riuscita a trovare l'articolo. LODI!

Nuovo Quotidiano di Puglia: Ecco il vero volto di Giulio Cesare: il ritratto del generale romano ricostruito in 3D
https://www.quotidianodipuglia.it/attualita/giulio_cesare_volto_ricostruzione-3822412.html

Leggo: Ecco il vero volto di Giulio Cesare: il ritratto del generale romano ricostruito in 3D
https://www.leggo.it/italia/cronache/giulio_cesare_volto_ricostruzione-3822082.html

Legati ai siti di questi giornali ci sono ovviamente servizi youtube ed altro, senza contare Facebook.
Nessuno degli articoli summenzionati riporta il nome del giornalista.

Per i lettori di tutti questi giornali, riprendo quanto ho già detto per il Messaggero.
Dice il Messaggero "Generale e dittatore romano, potente ma sicuramente poco affascinante. Giulio Cesare, uno dei personaggi più influenti della storia, non era proprio una bellezza. Almeno stando alla ricostruzione del suo volto in 3D svelata al Museo Nazionale delle Antichità di Leida, nei Paesi Bassi, in occasione dell'uscita di un libro sul generale romano scritto dell'archeologo Tom Buijtendorp, promotore dello studio."
Il Messaggero continua "Oggi gli archeologi ritengono che solo i ritratti simili a questo modello rappresentino fedelmente il volto del generale.. Se questo è vero, un dato pare incontrovertibile: Giulio Cesare non era una bellezza. Nel prototipo, come nella ricostruzione in 3D, la testa mostra infatti di avere una curiosa forma allungata, che abbinata alla fronte calva e pronunciata lo rende decisamente poco affascinante. L’archeologa e antropologa Maja d’Hollosy, che ha curato la ricostruzione, ha spiegato che la protuberanza potrebbe essere dovuta al parto particolarmente difficile con cui il futuro generale venne al mondo nel luglio del 100 a.C."
Allora, il Messaggero accampa degli archeologi. Quali? Quanti? Di dove? Su che basi giudicano?
Ma la mia è una domanda che va oltre la notizia, ovviamente.
In pratica, ecco come è stata fatta la ricostruzione.
Maja d'Hollosy ha preso una testa marmorea molto rovinata, che il Museo di Leida dice essere un ritratto di Cesare. Lo ha ricostruito con qualche materiale plastico (cera o plastilina). Ha pelato un po' questa testa e l'ha ricostruita come se fosse un teschio (lo ha fatto a mano, e non con un rendering 3D da computer). Ovviamente, una testa di marmo è la resa di quello che vede l'artista che l'ha scolpita, NON è una foto o una radiografia o una TAC! Ma continuiamo. Non avendo il volto, ha usato un altro busto, quello di Tuscolo. Questo non va bene. Il busto di Tuscolo è un altro busto (un altro teschio !?). In ogni caso, la resa che ne ha fatto non torna con il volto del busto di Tuscolo.
VEDI: http://stretchingtheboundaries.blogspot.com/2018/06/on-dhollosy-reconstruction-of-caesar.html
In particolare gli occhi, piccoli e vicini. Ma questo è stato volutamente fatto dalla d'Hollosy per rendere il personaggio più cattivo, come da lei espressamente dichiarato. Si veda https://www.archyworldys.com/what-could-julius-caesar-look-like-archaeologists-provide-an-answer/
La testa ricostruita è stata infine posta su un collo, che è stato modellato in base all'immagine di una moneta, come se le monete non rappresentassero i personaggi in modo iconografico, ma come se fossero delle fotografie. Notate bene che nella moneta usata, Cesare risulta con la testa PICCOLA! Sulle monete Cesare ha il collo lungo, per mostrare gli Anelli di VENERE, dato che Gaio era discendete tramite Enea della dea.
La moneta usata è quella che vedete nel post al link http://stretchingtheboundaries.blogspot.com/2018/07/denarius-of-julius-caesar-struck-under.html
dove la testa di Cesare è PICCOLA! E gli occhi sono GRANDI!
Concludiamo. Tom Buijtendorp e Maja d'Hollosy hanno reso un'immagine laida di Cesare. L'aspetto di Cesare, che storicamente è sempre stato considerato un bell'uomo e così si vede dai busti, è diventato volutamente quello di un essere deforme. E questo è stato fatto per il lancio di un libro che parla di Cesare nei Paesi Bassi, e che lo mostra come sterminatore di tribù germaniche. Queste tribù, per altro, avevano passato il Reno per attaccarlo.

Caro Lettore, lascia che ti illustri ancora la "protuberanza" di Cesare di cui si parla. Nell'immagine a sinistra puoi vedere il busto di Tuscolo (oggi al Museo Archeologico di Torino). L'artista ha ovviamente reso anche i capelli di Cesare. Cesare era abbastanza calvo. Portava i capelli abbastanza lunghi, per fare "riporto" pettinandoli in avanti. Allora, per veder come era effettivamente la testa di Cesare, devo tagliargli i capelli. Ho preso come modello un grande attore, Yul Brinner. Il risultato lo vedi a destra. Lascio a te giudicare.




Sikandar the Destroyer - Massaga

Sikandar is the Persian name of Alexander the Great. Let us consider his behaviour in the case of the  fortress of Massaga, Swat Valley. https://en.wikipedia.org/wiki/Indian_campaign_of_Alexander_the_Great

"A fierce contest ensued with the Aspasioi, in the course of which Alexander himself was wounded in the shoulder by a dart, but eventually the Aspasioi lost the fight; 40,000 of them were enslaved. The Assakenoi faced Alexander with an army of 30,000 cavalry, 38,000 infantry, and 30 elephants.[6] They had fought bravely and offered stubborn resistance to the invader in many of their strongholds such as the cities of Ora, Bazira, and Massaga. The fort of Massaga could only be reduced after several days of bloody fighting in which Alexander himself was wounded seriously in the ankle. When the Chieftain of Massaga fell in the battle, the supreme command of the army went to his old mother, Cleophis, who also stood determined to defend her motherland to the last extremity. The example of Cleophis assuming the supreme command of the military also brought the entire population of women of the locality into the fighting.[7][8] Alexander was only able to reduce Massaga by resorting to political strategem and actions of betrayal. According to Curtius: "Not only did Alexander slaughter the entire population of Massaga, but also did he reduce its buildings to rubbles".[9] A similar slaughter then followed at Ora, another stronghold of the Assakenoi."

From https://en.wikipedia.org/wiki/Cleophis
"Alexander's retaliation against the defeated Assaceni was severe. He had Massaga burned. Victor Hansen writes: "After promising the surrounded Assaceni their lives upon capitulation, he executed all their soldiers who had surrendered. Their strongholds at Ora and Aornus, were also likewise stormed. Garrisons were probably all slaughtered."[9]
"Additionally, Alexander pursued the Kamboj mercenaries, surrounded them on a hill, and killed them all. Diodorus describes the event in detail: "...The women, taking up the arms of the fallen, fought side by side with their men. Accordingly, some who had supplied themselves with arms did their best to cover their husbands with their shields, while others, who were without arms, did much to impede the enemy by flinging themselves upon them and catching hold of their shields." [10][11][12]

Cleophis came to terms with the invaders and abandoned Massaga with her followers. Diodorus Siculus says: "Cleophis sent precious gifts to Alexander with a message that she expressed her appreciation of Alexander's greatness and assured him that she would comply with the terms of the treaty."[7] According to Curtius and Arrian, Cleophis was captured along with her young granddaughter.[8]

Sikandar the Destroyer - Tyre

Sikandar is the Persian name of Alexander the Great. Let us consider his behaviour in the case of the city of Tyre https://en.wikipedia.org/wiki/Siege_of_Tyre_(332_BC)
"The Siege of Tyre was orchestrated by Alexander the Great in 332 BC during his campaigns against the Persians. The Macedonian army was unable to capture the city, which was a strategic coastal base on the Mediterranean Sea, through conventional means because it was on an island and had walls right up to the sea. Alexander responded to this problem by first blockading and besieging Tyre for seven months, and then by building a causeway that allowed him to breach the fortifications.
It is said that Alexander was so enraged at the Tyrians' defence of their city and the loss of his men that he destroyed half the city. According to Arrian, 8,000 Tyrian civilians were massacred after the city fell. Alexander granted pardon to all who had sought sanctuary (safety in the temple), including Azemilcus and his family, as well as many nobles. 30,000 residents and foreigners, mainly women and children, were sold into slavery. ...  According to Quintus Curtius Rufus 6,000 fighting men were killed within the city and 2,000 Tyrians were crucified on the beach.[7] The others, some 30,000 people, were sold into slavery. The severity of reprisals reflected the length of the siege and Alexander's response to the Tyrians having executed some of his soldiers on the walls, in sight of the attackers." This is the justification given by Wikipedia for Alexander's behavior.  Let me stress that Alexander was attaching Tyre not viceversa!
From  http://factsanddetails.com/world/cat56/sub366/item2036.html "The victory over Tyre added Lebanon as well as Palestine, Syria and Egypt to Alexander's empire.Alexander was reportedly so enraged by the loss of time and men used to capture Tyre that he destroyed half the city, and rounded up its residents, who were either massacred or sold into slavery. Seven thousand people were slaughtered after the capture, 2,000 young men were crucified and 30,000 people were sold into slavery." Ecco come finanziava la sua guerra Alessandro. Faceva cassa ad ogni città conquistata.
That is, it is clear that the financial support for Alexander's war that of selling people for slavery.

Sikandar the Destroyer - Thebes

Sikandar is the Persian name of Alexander the Great.
Let us consider his behaviour in the case of the city of Thebe, and read together Wikipedia https://en.wikipedia.org/wiki/Battle_of_Thebes
"The Battle of Thebes was a battle that took place between Alexander the Great and the Greek city state of Thebes in 335 BC.  After being made hegemon of the League of Corinth, Alexander had marched to the north to deal with revolts in Illyria and Thrace, which forced him to draw heavily from the troops in Macedonia that was maintaining pressure on the Greek city-states of the south to keep them in subjection. Although Alexander did not desire to destroy Thebes, after sending several embassies requesting their submission on what he considered merciful terms, he eventually decided to destroy the city as an example to others."
How mercyfull Alexander was!
"The Thebans made everything ready to fight to the last man, and put their women and children in the city temples.[1] They were aware that there was to be no quarter. Once the siege began, the Thebans fought desperately, fearing for their homes, wives and children. The battle went on for some time, and it was in doubt. However, Alexander sent in his reserves and the situation started to improve. Despite the Theban's valiant struggle, however, Alexander noticed that a unit of their guard had abandoned one of the gates. It is here that he sent Perdiccas troops to enter and penetrate into the city itself.[1] At this point, realizing that the fight for the city walls was a lost cause, the Thebans retreated and began their final battle within the city itself. It was around this time that Philotas and his garrison broke out of the citadel and began fighting in the battle as well.[1]
Alexander punished the Thebans severely for their rebellion. Wishing to send a message to the other Greek states, he had the 30,000 Thebans not killed in the fighting sold into slavery. The city itself was burnt to the ground, with the exception only of the house of Pindar, which Alexander ordered be left intact out of gratitude for Pindar's verses praising Alexander's ancestor, Alexander I of Macedon.[6] "
This is one of the episodes of Sikandar the Destroyer.

Camerata Ducale & Guido Rimonda - Giovan Battista Viotti: Tema e variazi... ovvero la Marsigliese






Secondo Guido Rimonda, Viotti, violinista piemontese alla corte di Maria Antonietta, scrisse questo brano nel 1781. Nel 1792 Rouget de Lisle copiò il brano come "canto di guerra". Quindi fu adottato dai volontari marsigliesi e divenne l'inno nazionale francese.

Sky-TG24 - sempre sulla testa di Giulio Cesare

Per la serie sulle perle d'ignoranza, ovviamente nella sezione SCIENZE, "Occhi piccoli e capo deforme: ecco com'era il volto di Giulio Cesare" https://tg24.sky.it/scienze/2018/06/28/giulio-cesare-volto.html di Sky-tg24. Articolo non firmato (ma come mai tutti questi articoli non sono firmati? Vedi anche http://stretchingtheboundaries.blogspot.com/2018/07/la-repubblica-ed-il-nuovo-look-di-cesare.htmlhttp://stretchingtheboundaries.blogspot.com/2018/07/il-messaggero-del-vero-volto.html
Sky-TG24  dice una cosa molto specifica.
"Grazie all'aiuto di due busti e di una moneta antica, il Museo Nazionale delle Antichità di Leida, nei Paesi Bassi, ha ricostruito il viso del generale romano ... La strana forma del cranio Maja d'Hollosy, come raccontato al giornale olandese Hln, ha poi deciso di conferire al viso un'espressione più neutra possibile, che non trasmettesse né gioia né tristezza. Il tratto forse più evidente è un altro: il capo insolitamente largo e con una protuberanza pronunciata. Secondo [Tom] Buijtendorp non ci sono dubbi: non si tratta di un errore dell'artista che ha eseguito il busto dal quale è stato ricavato il volto di Giulio Cesare ma di un elemento reale. È infatti probabile che la singolare forma del cranio del generale romano sia stata causata da un parto difficile."

ALLORA, dato che la sezione è SCIENZA, facciamo un piccolo sforzo di capire come è stata fatta la ricostruzione. Maja d'Hollosy ha preso una testa marmorea molto rovinata, che il Museo di Leida dice essere un ritratto di Cesare. Lo ha ricostruito con qualche materiale plastico (cera o plastilina). Ha pelato un po' questa testa e l'ha ricostruita come se fosse un teschio (lo ha fatto a mano, e non con un rendering 3D da computer). Ovviamente, una testa di marmo è la resa di quello che vede l'artista che l'ha scolpita, NON è una foto o una radiografia o una TAC! Ma continuiamo. Non avendo il volto, ha usato un altro busto, quello di Tuscolo, ma questo non va bene, perché il busto di Tuscolo rappresenta, se mai possibile, un altro teschio. In ogni caso, la resa che ne ha fatto non torna con il volto del busto di Tuscolo.
VEDI: http://stretchingtheboundaries.blogspot.com/2018/06/on-dhollosy-reconstruction-of-caesar.html
In particolare gli occhi, piccoli e vicini. Ma questo è stato volutamente fatto dalla d'Hollosy per rendere il personaggio più cattivo, come da lei espressamente dichiarato. Si veda https://www.archyworldys.com/what-could-julius-caesar-look-like-archaeologists-provide-an-answer/
E che dire del collo?! Questo collo è stato preso da una moneta, come se le monete non rappresentassero i personaggi in modo iconografico, ma come se fossero delle fotografie. Notate bene che nella moneta usata, Cesare risulta con la testa PICCOLA! Sulle monete Cesare ha il collo lungo, per mostrare gli Anelli di VENERE, dato che Gaio era discendete tramite Enea della dea.
La moneta usata è quella che vedete nel post al link http://stretchingtheboundaries.blogspot.com/2018/07/denarius-of-julius-caesar-struck-under.html
dove la testa di Cesare è PICCOLA! E gli occhi sono GRANDI!
Concludiamo. Tom Buijtendorp e Maja d'Hollosy hanno reso un'immagine laida di Cesare. Come ho già detto in altri post, l'aspetto di Cesare, che storicamente è sempre stato considerato un bell'uomo e così si vede dai busti, è diventato volutamente quello di un essere deforme. E questo è stato fatto per il lancio di un libro che parla di Cesare nei Paesi Bassi, dove Cesare è dipinto come un proto-Hitler.

Nella immagine seguente vedete a sinistra il busto di Tuscolo. Per vedere bene la testa devo tagliargli i capelli .. Come modello ho preso Yul Brinner. Il risulto è sulla destra.
Morale, come potete ben vedere Tom Buijtendorp e Maja d'Hollosy ci hanno ben ricamato  sopra...
Hanno scambiato i capelli, che Cesare lasciava piuttosto lunghi e pettinati in avanti per coprire la calvizie (ossia si faceva il riporto) con la forma del cranio. Che SCIENZA!



Friday, July 13, 2018

Mitridate e i Vespri Asiatici - Mithridates and the Asiatic Vespers

Da Wikipedia.

"I Vespri asiatici furono un eccidio commesso in Asia Minore nell'88 a.C. [6]. In risposta al crescente potere romano in Anatolia, Mitridate VI Eupatore, re del Ponto (Mitridate il grande), sfruttò lo scontento locale per il governo romano e le sue tasse per orchestrare l'esecuzione di circa 80.000 [2]/150.000 [5] Italici in Asia Minore, o di chiunque parlasse con un remoto accento latino.[7]. Quest'azione portò il Senato romano, di norma prudente, a inviare una grande forza militare in Oriente, con l'obiettivo di ridurre il potere del regno del Ponto ed eventualmente di annettere quel territorio, cosa che avverrà con una serie di conflitti noti con il nome di Guerre mitridatiche.[3]. "


"The Asiatic Vespers (also known as the Asian Vespers, Ephesian Vespers, or the Vespers of 88 BC) refers to an infamous episode during the First Mithridatic War. In response to increasing Roman power in Anatolia, the king of Pontus, Mithridates the Great, tapped into local discontent with the Romans and their taxes to orchestrate the execution of all Roman and Italian citizens in Asia Minor (Anatolia).[1]
The massacre was planned scrupulously to take place on the same day in several towns scattered over Asia Minor: Ephesus, Pergamon, Adramyttion, Caunus, Tralles, Nysa, and the island of Chios.[2] Estimates of the number of men, women, and children killed range from 80,000[3] to 150,000.[4] Slaves who helped to kill their Roman masters and those who spoke languages other than Latin were spared. The massacre led to the Roman Senate committing a huge invasion force aimed at breaking the power of the Kingdom of Pontus and eventually annexing their territory in a series of conflicts known as the Mithridatic Wars.[5]
The date of the massacre is disputed by modern historians who have written about the question at length. Sherwin-White places the event in late 89 or early 88 BC.[6] Badian, saying "precision seems impossible," places it in the first half of 88 BC, no later than the middle of that year.[7]
The name "Vèpres éphésiennes" was coined in 1890 by historian Théodore Reinach to describe the massacre, making a retrospective analogy with the Sicilian Vespers of 1282.[8] Subsequent historians have adopted some variation of the phrase, using Vespers as a euphemism for "massacre"."

In livius.org, Mithridates is defined as "enemy of Rome in first century BCE", by Jona Lendering, who is telling that "The conflict with Rome that was to last for the rest of Mithridates' life became inevitable in 94, when Nicomedes III of Bithynia died and was succeeded by Nicomedes IV Philopator." Lendering is not mentioning the infamous massacre.

I Taurini ed Annibale - 218 a. C. - The Taurini and Hannibal - 218 BC

 Nel 218 a.C. Annibale valicò le  Alpi, probabilmente passando per le Traversette. Per giungere ad attaccare Roma, Annibale doveva passare per il  territorio dei Taurini, predecessori dei Torinesi. I Taurini rallentarono la sua avanzata, segno evidente della loro consistenza militare, ma la città dei Taurini fu infine presa e i suoi abitanti che avevano scelto di ribellarsi e resistere furono passati a fil di spada. Da allora sino alla romanizzazione si perde traccia dei Taurini.
Tutti i Taurini, e dico tutti, sono scomparsi dalla storia, grazie ad Annibale, "one of the greatest military leaders in history", come lo definisce Jona Lendering in livius.org.

In 218 BC Hannibal crossed the Alps, probably through the Traversette. To attach Rome, Hannibal had to cross the land of the Taurini, predecessors of the Torinesi. The Taurini slowed down his march, and this is a clear sign of their military consistence. However, the town of Taurini was captured and its people, who had chosen to rebel and resist, had been put to the sword. From that time until the Romanization, any track of the Taurini is lost.
The Taurini as a whole, I mean all of them, disappeared from history, thanks to Hannibal, "one of the greatest military leaders in history", as defined by Jona Lendering in livius.org.

Resta solo il ricordo di questo popolo valoroso nel nome della nostra grande città fondata da Giulio Cesare,  Torino!


Adattato  da: http://www.museotorino.it/view/s/c1d7e02f24f74b1b91b58b307020f856
Bibliografia: Culasso Gastaldi, Enrica, Annibale e i Taurini, in Sergi, Giuseppe (a cura di), Storia di Torino. Dalla preistoria al Comune medievale, Vol. 1, G. Einaudi, Torino 1997, pp. 116-121

Thursday, July 12, 2018

Il Messaggero sul vero volto di Cesare

Dopo aver discusso che cosa dice la Repubblica, del "nuovo look" di Cesare, passiamo al Messaggero.
Dalla sezione Spettacoli e Cultura del Messaggero.
"Ecco il vero volto di Giulio Cesare: il ritratto del generale romano ricostruito in 3D"
https://spettacoliecultura.ilmessaggero.it/mostre/giulio_cesare_volto_ricostruzione-3822064.html
Articolo non firmato, come nel caso della Repubblica.
Dice il Messaggero "Generale e dittatore romano, potente ma sicuramente poco affascinante. Giulio Cesare, uno dei personaggi più influenti della storia, non era proprio una bellezza. Almeno stando alla ricostruzione del suo volto in 3D svelata al Museo Nazionale delle Antichità di Leida, nei Paesi Bassi, in occasione dell'uscita di un libro sul generale romano scritto dell'archeologo Tom Buijtendorp, promotore dello studio." Eccetera. Non continuo perché è la stessa musica già letta nella Repubblica.
C'è una differenza. Il messaggero dice "Oggi gli archeologi ritengono che solo i ritratti simili a questo modello rappresentino fedelmente il volto del generale.. Se questo è vero, un dato pare incontrovertibile: Giulio Cesare non era una bellezza. Nel prototipo, come nella ricostruzione in 3D, la testa mostra infatti di avere una curiosa forma allungata, che abbinata alla fronte calva e pronunciata lo rende decisamente poco affascinante. L’archeologa e antropologa Maja d’Hollosy, che ha curato la ricostruzione, ha spiegato che la protuberanza potrebbe essere dovuta al parto particolarmente difficile con cui il futuro generale venne al mondo nel luglio del 100 a.C."
Allora, il Messaggero accampa degli archeologi. Quali? Quanti? Di dove? Su che basi giudicano? 
Insomma,  ripeto quanto già detto per Repubblica. Contano solo il like su Facebook!

In pratica, ecco come è stata fatta la ricostruzione.

Maja d'Hollosy ha preso una testa marmorea molto rovinata, che il Museo di Leida dice essere un ritratto di Cesare. Lo ha ricostruito con qualche materiale plastico (cera o plastilina). Ha pelato un po' questa testa e l'ha ricostruita come se fosse un teschio (lo ha fatto a mano, e non con un rendering 3D da computer). Ovviamente, una testa di marmo è la resa di quello che vede l'artista che l'ha scolpita, NON è una foto o una radiografia o una TAC! Ma continuiamo. Non avendo il volto, ha usato un altro busto, quello di Tuscolo, ma questo non va bene, perché il busto di Tuscolo rappresenta, se mai possibile, un altro teschio. In ogni caso, la resa che ne ha fatto non torna con il volto del busto di Tuscolo.
VEDI: http://stretchingtheboundaries.blogspot.com/2018/06/on-dhollosy-reconstruction-of-caesar.html
In particolare gli occhi, piccoli e vicini. Ma questo è stato volutamente fatto dalla d'Hollosy per rendere il personaggio più cattivo, come da lei espressamente dichiarato. Si veda https://www.archyworldys.com/what-could-julius-caesar-look-like-archaeologists-provide-an-answer/
E che dire del collo?! Questo collo è stato preso da una moneta, come se le monete non rappresentassero i personaggi in modo iconografico, ma come se fossero delle fotografie. Notate bene che nella moneta usata, Cesare risulta con la testa PICCOLA! Sulle monete Cesare ha il collo lungo, per mostrare gli Anelli di VENERE, dato che Gaio era discendete tramite Enea della dea.
La moneta usata è quella che vedete nel post al link  http://stretchingtheboundaries.blogspot.com/2018/07/denarius-of-julius-caesar-struck-under.html
dove la testa di Cesare è PICCOLA! E gli occhi sono GRANDI!
Concludiamo. Tom Buijtendorp e Maja d'Hollosy hanno reso un'immagine laida di Cesare. Come ho già detto in altri post, l'aspetto di Cesare, che storicamente è sempre stato considerato un bell'uomo e così si vede dai busti, è diventato volutamente quello di un essere deforme. E questo è stato fatto per il lancio di un libro che parla di Cesare nei Paesi Bassi.
Ma come è possibile che il Messaggero riprenda la notizia senza un briciolo di ragionamento, senza controllare quello che scrive, inoltre nella sezione CULTURA? Col titolo, il VERO VOLTO?
E menomale che il giornale è
Il Messaggero - Il giornale di Roma, da sempre.

Denarius of Julius Caesar, struck under Mettius Roman Republican Period 44 B.C.

As we have discussed in the previous post, Tom Buijtendorp e Maja d'Hollosy used also a coin for their awful rendering of the head of Julius Caesar, besides the busts of Leiden and Tusculum. In their rendering, the head had been deformed to become very large on a very thin neck. The eyes are small, to increase the deformity.
Now, the coin used is a Denarius with head of Julius Caesar, struck under M. Mettius, Roman Republican Period, 44 B.C. Here in the image the coin.




In the Denarius I see a SMALL head on a NORMAL neck, and BIG eyes. The neck shows the rings of Venus. Let us remember that Gaius was born into a patrician family, the Caesars of the gens Julia, which claimed being descent from Iulus, son of the legendary Aeneas, son of the goddess Venus. For this reason, the neck is also a symbolic representation of the origin of the man. It does not mean that the neck was unusually long. IN ANY CASE, the head is not like the so-called 3D rendering made in Holland and shown at http://www.rmo.nl/reconstructiecaesar .

Wednesday, July 11, 2018

La Repubblica ed il "nuovo look" di Cesare

Commento all'articolo di Repubblica

http://www.repubblica.it/scienze/2018/06/26/news/nuovo_look_per_giulio_cesare_aveva_gli_occhi_piccoli_ed_era_capoccione_-200105909/

Purtroppo non si può scrivere un commento all'articolo sulla pagina di Repubblica. E quindi lo faccio su questa pagina. Non c'è neanche il nome del giornalista che ha scritto l'articolo.

L'articolo di Repubblica  dice  "Il nuovo look di Giulio Cesare è stato ricostruito partendo dalla scansione 3D di un busto in marmo conservato nel museo olandese e considerato il più antico ritratto del generale romano." (il busto in oggetto è un busto che si trova al Museo Archeologico di Leida (Leiden)). Ma come? Questa è una novità, dato che il busto considerato più antico è quello di Tuscolo, che oggi è a Torino, e non quello in Olanda!!!!

Sempre Repubblica "Mostra una deformità del cranio dovuta a un parto difficile". NESSUN BUSTO DI CESARE MOSTRA DEFORMITA' DELLA TESTA! Questa è una mera congettura, esposta senza alcuna base storica o scientifica, da chi ha fatto la ricostruzione in 3D. La Repubblica continua dicendo che Cesare risulta un  "capoccione", deformato probabilmente fin dalla nascita a causa di un parto difficile. DICIAMO CHIARAMENTE: chi ha creato il 3D lo ha fatto capoccione!

Continua Repubblica "Almeno, questo è il suo volto secondo la ricostruzione in 3D svelata al Museo Nazionale delle Antichità di Leida, nei Paesi Bassi, in occasione dell'uscita di un libro sul generale romano scritto dell'archeologo Tom Buijtendorp, promotore dello studio. Il nuovo look di Giulio Cesare è stato elaborato mettendo insieme diverse raffigurazioni. L'ha elaborato da Maja d'Hollosy, archeologa e antropologa fisica specializzata nella ricostruzione di volti, che è partita dalla scansione 3D di un busto in marmo conservato nel museo olandese e considerato il più antico ritratto del generale romano. La scultura è piuttosto danneggiata e per questo le parti mancanti (come il naso e il mento) sono state ricostruite sulla base del cosiddetto busto di Tusculum [Tuscolo], trovato nel sito dell'antica città di Tusculum, a sud di Roma, e oggi conservato nella collezione del Museo Archeologico di Torino. L'identikit è stato quindi rifinito grazie all'effige di Giulio Cesare impressa su una moneta antica."

Per essere chiari: Maja d'Hollosy ha preso il busto di Leida e lo ha ricostruito con qualche materiale plastico (cera o plastilina). Ha pelato un po' questa testa e l'ha ricostruita come se fosse un teschio (lo ha fatto a mano, e non con un rendering 3D da computer).  Ovviamente, una testa di marmo è la resa di quello che vede l'artista che l'ha scolpita, NON è una foto o una radiografia o una TAC! Continuiamo. Non avendo il volto, ha usato un altro busto, quello di Tuscolo, ma questo non va bene, perché il busto di Tuscolo rappresenta, se mai possibile, un altro teschio. In ogni caso, la resa che ne ha fatto non torna con il volto del busto di Tuscolo.
VEDI: http://stretchingtheboundaries.blogspot.com/2018/06/on-dhollosy-reconstruction-of-caesar.html
In particolare gli occhi, piccoli e vicini. Ma questo è stato volutamente fatto dalla d'Hollosy per rendere il personaggio più cattivo, come da lei espressamente dichiarato. Si veda https://www.archyworldys.com/what-could-julius-caesar-look-like-archaeologists-provide-an-answer/
E che dire del collo?! Questo collo è stato preso da una moneta, come se le monete non rappresentassero i personaggi in modo iconografico, ma come se fossero delle fotografie. Notate bene che nella moneta usata, Cesare risulta con la testa PICCOLA! Sulle monete Cesare ha il collo lungo, per mostrare gli Anelli di VENERE, dato che Gaio era discendete tramite Enea della dea.

Concludiamo. Tom Buijtendorp e Maja d'Hollosy hanno reso un'immagine laida di Cesare. Come ho già detto in altri post, l'aspetto di Cesare, che storicamente è sempre stato considerato un bell'uomo  e così si vede dai busti, è diventato volutamente quello di un essere deforme. E questo è stato fatto per il lancio di un libro che parla di Cesare nei Paesi Bassi.
Io invece, sempre usando il busto di Leida ed il busto di Tuscolo ho ottenuto la testa che vedete nell'immagine seguente, che confronto con la testa di un grande attore Italiano.




Mi sorprende che La Repubblica pubblichi un articolo senza un briciolo di senso critico nei confronti della notizia stessa.  Mi sorprende molto. Sembra che l'unica cosa che conti, anche per un giornale di questo calibro, siano i like su Facebook!


Sunday, July 8, 2018

Ancient and modern faces: Julius Caesar and Marcello Mastroianni



Ancient and modern faces. Julius Caesar (reconstructed by me, after the Leiden and Tusculum busts) and Marcello Mastroianni.

This is the third comparison I am making to show that my reconstructed faces of Caesar can fit a real face. My reconstruction is rather different from that proposed by Maja D'Hollosy, in agreement with Tom Buijtendorp. See please it at http://www.rmo.nl/reconstructiecaesar for comparison


Wednesday, July 4, 2018

Dal vocabolario Treccani

genocìdio (raro genicìdio) s. m. [comp. del gr. γένος «stirpe» e -cidio: voce coniata in forma ingl. (genocide) dal giurista polacco R. Lemkin nel 1944 e pubblicamente usata nel processo di Norimberga (1946)]. – Grave crimine, di cui possono rendersi colpevoli singoli individui oppure organismi statali, consistente nella metodica distruzione di un gruppo etnico, razziale o religioso, compiuta attraverso lo sterminio degli individui, la dissociazione e dispersione dei gruppi familiari, l’imposizione della sterilizzazione e della prevenzione delle nascite, lo scardinamento di tutte le istituzioni sociali, politiche, religiose, culturali, la distruzione di monumenti storici e di documenti d’archivio, ecc.

stermìnio s. m. [dal lat. tardo exterminium, der. di exterminare «sterminare»]. – 1.L’azione, il fatto, e l’effetto, dello sterminare; distruzione violenta, rapida e totale: lo s. di un popolo, di un esercito di nemici; lo s. di una città inerme con ripetuti bombardamenti; una guerra di sterminio, che ha per fine l’annientamento dell’esercito e delle popolazioni nemiche; campi di s., nel periodo della seconda guerra mondiale (v. campo, n. 3 c); iperb. o scherz.: se vi trovo ancora sul mio terreno faccio uno sterminio!(cfr. il più pop. macello). Con riferimento ad animali (come complemento): fare uno s. di animali feroci, di selvaggina; potenti insetticidi per lo s. della mosche, delle zanzare. 2.Nell’uso fam., per avvicinamento semantico all’agg. sterminato e con valore iperb., uno s., una grande quantità: davanti allo stadio c’era già uno s. di gente.

Tutti e due i termini parlano di distruzione totale (totale è aggettivo che deve essere preso cum grano salis) . Il genocidio è la distruzione di un gruppo etnico, razziale o religioso (può coincidere con un popolo), lo sterminio quello di un popolo, di un esercito di nemici. Notate che la parola "nemico" non compare nella definizione di genocidio.

Notate anche che nel dizionario Treccani non si parla di Nazioni ma, ripeto, di gruppi etnici, razziali o religiosi in un caso e di popoli, eserciti o città inermi nell'altro. Le Nazioni non sono i popoli e non sono neanche i gruppi etnici, razziali o religioni. Popolo, popolazione e nazione sono tre concetti analoghi, ma da tenere ben distinti tra loro. Il popolo rappresenta la generazione attuale dei cittadini, vale a dire il complesso di soggetti che sono legati allo Stato dal rapporto di cittadinanza. Per popolazione si intende invece l’insieme degli individui che si trova in un dato momento a risiedere nel territorio dello Stato (ivi compresi dunque gli stranieri e gli apolidi). La nazione è un ulteriore concetto da distinguere dai due precedenti. Si riferisce ad un aspetto più culturale che giuridico, comprendendo tutti i soggetti che hanno vissuto, vivono e vivranno sul territorio dello Stato, e che hanno in comune tra loro legami di natura linguistica, etnica, religiosa, culturale.
Sia come sia, alcuni italiani hanno spedito altri italiani nei campi di sterminio!

Tornate, prego, a leggere il post https://stretchingtheboundaries.blogspot.com/2018/07/sulla-resa-in-3d-di-cesare-fatta-in.html

Che Giulio Cesare abbia fatto stermini o genocidi, non è il mio parere che possa contare: io lascio giudicare a Plinio il Vecchio. Ma questo non ha niente a che fare con il suo aspetto e i busti che lo ritraggono. Se si lega l'aspetto di una persona alle sue azioni, si ragiona come Lombroso, che tentò di trovare una possibile relazione tra la psicopatologia criminale e i difetti fisici e costituzionali. La sua visione è  oggi largamente screditata. Ancora peggio, nel caso di Cesare  si usa una ricostruzione errata di un busto marmoreo, con l'utilizzo non corretto di un altro busto marmoreo.

Il modo in cui è fatta la ricostruzione sembra, all'apparenza, basarsi sul metodo Lombrosiano. E forse non è solo apparenza. Si legga https://www.archyworldys.com/what-could-julius-caesar-look-like-archaeologists-provide-an-answer/ "Maja d’Hollosy also deliberately gave her a frown, far from being friendly as she explained in a press conference. “I did not want him to look happy and friendly, he’s a general who left a lot of corpses behind,” she says." Ossia: gli ha dato volutamente un brutto cipiglio, per non  dargli un aspetto felice e amichevole perché è stato un generale che ha lasciato dietro di sé molti cadaveri. (Forse sono le guerre a lasciar dietro di loro molti morti). Si dimentica di dire che ha aggiunto deliberatamente un cranio grosso per accentuare la deformità. Più Lombrosiani di così.
Ed inoltre, quale cipiglio? Se guardate la foto al sito  https://www.beleefarcheologie.nl/2018/06/25/3d-reconstructie-caesar-rijksmuseum-oudheden/   sembra di più uno che perso gli occhiali da lettura.

Stalin, che cosa ha fatto? In primis, verso il suo stesso paese. La sistematica distruzione di quadri dirigenti di esercito e società, da cui le successive disfatte militari e le diverse carestie. Come mezzo,  lo sterminio nei gulag, in cui sono finiti anche i militari italiani. E Togliatti dava ragione ai principi di Stalin. Ed era ben conscio dei suoi metodi.

Vi invito a leggere il libro "Il fisico che visse due volte. I giorni straordinari di Lev Landau, genio sovietico", che racconta come anche  Lev Landau, premio NOBEL per la fisica, abbia rischiato di morire nei gulag.